media

Il calcio è il minerale più presente nel corpo umano. Una gran parte di esso la si trova nei denti e nelle ossa, dove si accumula sotto forma di carbonato, mentre il restante è nel sangue, nei muscoli e nel liquido presente fra le cellule, ed è utilizzato per:

  • la contrazione dei muscoli;
  • la trasmissione nervosa;
  • la secrezione di ormoni;
  • la vasodilatazione e la contrazione dei vasi sanguigni.

Le ossa subiscono nel tempo un continuo processo di rimodellamento che necessita del riassorbimento e della deposizione di calcio nel nuovo tessuto osseo.

La vitamina D è, invece, uno dei regolatori del metabolismo del calcio, ed è fondamentale nell’azione di calcificazione delle ossa, oltre che nella riduzione del rischio di sclerosi multipla e di malattie cardiache in via di sviluppo. La scarsa presenza di Vitamina D è infatti una delle principali cause di carenza di calcio negli adulti, dato che, senza di essa, il corpo non riesce a sintetizzare il minerale. 

La luce solare ne è la fonte principale e, quando ci esponiamo al sole, il 7-deidrocolesterolo, presente di base nel corpo umano, si trasforma in colecalciferolo, o vitamina D3, che prende parte in quei processi utili per:

  • Sostenere le difese immunitarie a combattere le infezioni. 
  • Normalizzare le funzioni di muscoli, cuore, polmoni e cervello.
  • Rinforzare e tenere in salute l’apparato scheletrico.

Assunzione e integrazione

Le principali fonti alimentari di calcio sono il latte e i suoi derivati, particolarmente i formaggi, gli yogurt e gli altri prodotti fermentati. Discreti valori ne hanno i vegetali a foglia verde, come il cavolo e i broccoli, ma anche nei legumi secchi e in molti pesci e molluschi come le sardine, le vongole e le cozze.

Gli integratori di vitamina D sono spesso prescritti alle donne subito dopo la menopausa come terapia preventiva contro l'osteoporosi, mentre, per quel che riguarda gli alimenti, il salmone, lo sgombro, il pesce spada e le sardine hanno buone dosi di vitamina D, mentre i funghi sono tra le poche fonti vegetali di vitamina D, e solo quando sono coltivati all’aperto.

Se desideri approfondire l’argomento oppure porre semplicemente qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.

  • Apr 21, 2021
  • Commenti: 0
Commenti: 0

Nessun commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non può essere pubblicato . I campi richiesti sono contrassegnati*