media

I fermenti lattici sono batteri e lieviti ad azione probiotica che donano molti benefici all’intestino, aiutandolo a mantenere l’equilibrio della flora batterica intestinale. 

Quest’ultima è costituita da batteri il cui compito è di supportare le funzioni dell’intestino, dove dove operano molte delle cellule afferenti al nostro sistema immunitario. In sostanza, quando l’intestino non è in forma, si è più esposti ad allergie e a disturbi di diverso tipo, non esclusivamente legate all’apparato gastrointestinale. 

Infatti, quando si parla di alzare il proprio scudo immunitario contro i malanni di stagione, si sente spesso la relazione tra una buona alimentazione e un corpo in salute. Oltre, quindi, a tenere in salute intestino e sistema immunitario, i fermenti lattici possono aiutarci a riequilibrare situazioni come:

  • alimentazione scorretta o scarso apporto alimentare di frutta, verdura e cibi integrali;
  • assunzione errata di antibiotici e/o di altri farmaci;  
  • situazioni di stress psico-fisico.

I fermenti lattici sono indispensabili, per rinvigorire le difese immunitarie, per mantenere sane le funzionalità dell’apparato gastro-intestinale e per garantire l’equilibrio in caso di stitichezza, diarrea o altri disturbi.

Probiotici e prebiotici: le differenze

I probiotici sono microrganismi che corroborano le operazioni del colon, la produzione di vitamine, agiscono da barriera per l'intestino dall'aggressione di agenti patogeni e creano un ambiente ostico per la loro proliferazione. Tra i più noti troviamo il Lacrobacillus casei, il Bifidobacterium lactis, e lo Streptococcus thermophilus. 

I prebiotici sono microrganismi che fungono da cibo per i batteri buoni dell’intestino, anch’essi quindi importanti per l'equilibrio e da integrare solo quando vi è necessità.

Integrare probiotici, invece, è importante in diversi momenti, come parte di un alimento o di un integratore: essi resistono all'azione dell'acido gastrico e della bile, giungono all’intestino e aderiscono all'epitelio intestinale, dove iniziano a produrre sostanze antimicrobiche contro i patogeni.

Se si osserva una dieta povera di fibre vegetali, e ogni qualvolta si presentano delle condizioni di impoverimento della flora batterica intestinale stessa, è fondamentale integrarli, così come in caso di diarrea, disbiosi (o semplice alterazione dell’equilibrio della flora intestinale), cattiva digestione e vomito.  

Se vuoi approfondire l’argomento oppure chiedere semplici delucidazioni, non esitare a contattarci. Il nostro team di professionisti sarà lieto di risponderti.

  • Mar 22, 2021
  • Commenti: 0
Commenti: 0

Nessun commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non può essere pubblicato . I campi richiesti sono contrassegnati*