Categorie
media

L'eccessivo consumo di bevande alcoliche fa perdere facilmente la lucidità mentale e i suoi effetti psichici, sia positivi che negativi, sono abbastanza noti.

Molto spesso, però, si evita di pensare agli effetti nocivi causati dall’alcol al corpo. L’etanolo, o più comunemente noto alcol etilico, è il costituente principale delle bevande alcoliche. Esso può rappresentare una vera e propria droga ad azione tossica: il suo eccessivo consumo a breve o a lungo termine, danneggia molti organi.

Il fegato può metabolizzare solo una quantità limitata di alcol alla volta. Se si assume troppo alcol, la scorta epatica di glutatione si esaurisce, causando un aumento del livello di acetaldeide tossico nell'organismo. Quando ciò accade, l'alcol in eccesso rimane nei tessuti e nel flusso sanguigno finché il fegato non è in grado di lavorarlo. Le membrane delle cellule non possono trattenere il passaggio dell’alcol che, trovandosi nel sangue, si diffonde nella maggior parte dei tessuti che costituiscono il corpo.

Gli effetti dell'etanolo sull'organismo sono ad ampio spettro e coinvolgono molti organi: a livello gastrointestinale, danni all'esofago, maggiore insorgenza di gastriti, disfunzione delle strutture villari dell'intestino; a livello del fegato l'alcol induce steatosi, cioè accumulo di grasso in piccole vescicole citoplasmatiche, e su lungo periodo la comparsa di epatite, fibrosi e cirrosi. Effetti negativi sono presenti anche nel sistema cardiovascolare e nervoso.

La maggioranza delle persone che abusano di bevande alcoliche corre maggiormente il rischio di riscontrare problemi di salute molte seri.

In particolare:

  • cirrosi: chi beve, per tutta la vita adulta, una certa quantità di alcol ha il doppio delle probabilità di contrarre questa malattia;
  • cancro al cavo orale: il rischio è del 20-30% in più rispetto al non bevitore;
  • cancro dell’esofago: il rischio è del 10% in più;
  • cancro del fegato: il rischio è del 14-20% in più;
  • cancro alla mammella: il rischio è del 10-20% in più;
  • ictus, trombosi e altre patologie di natura vascolare: il rischio è del 20% in più.

 

L'etanolo infine crea dipendenza e crisi di astinenza.

  • Dec 23, 2019
  • Commenti: 0
Commenti: 0

Nessun commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non può essere pubblicato . I campi richiesti sono contrassegnati*