Categorie
media

L’introduzione della tecnologia di telefonia mobile di quinta generazione (5G) è, al momento, in fase sperimentale in alcune città.

Uno degli aspetti fondamentali del 5G consiste nel fatto che non sarà utilizzato solo per la comunicazione tra persone, ma anche per il cosiddetto “Internet delle cose” (IOT, Internet Of Things), consentendo a diversi dispositivi wireless (elettrodomestici, auto, semafori, lampioni, orologi) di comunicare direttamente tra loro, utilizzando in particolare onde elettromagnetiche di frequenza appartenente alla banda 26,5-27,5 GHz, note anche come “onde millimetriche”.

Per capire se bisogna preoccuparsi è necessario esaminare le conoscenze scientifiche riguardanti gli effetti sulla salute dei campi elettromagnetici a radiofrequenza, distinguendo tra effetti a breve termine ed effetti a lungo termine, questi ultimi ancora non accertati nonostante i diversi studi scientifici condotti al riguardo.

Perché non c’è bisogno di allarmarsi

Quello che sappiamo fino ad ora è che è vero che il 5G viaggerà sì su frequenze più elevate rispetto a 2G, 3G e 4G, ma la rete di antenne sfrutterà segnali che hanno potenza inferiore.

Inoltre la capacità di penetrazione di questo tipo di onde nei tessuti umani rimane sempre molto bassa e limitata agli strati superficiali della pelle, mancando anche l’energia necessaria per apportare danni al DNA.

Data la capillarità con cui verranno installate le antenne del 5G, l’intensità dei segnali e le frequenze utilizzate, ci sarà probabilmente un’esposizione limitata e dagli effetti negativi addirittura inferiori a quelli derivanti dall’uso delle tecnologie attuali.

Ovviamente molto dipende dai livelli di esposizione che si genereranno, visti i crescenti servizi e oggetti connessi, ma è arduo prevederne le conseguenze.

Bisogna sempre tener conto che i livelli massimi per i campi elettromagnetici di dispositivi e antenne sono sempre soggetti a limiti di legge, al momento molto cautelativi per la salute delle persone.

Se hai qualche dubbio oppure vuoi semplicemente approfondire l’argomento, contattaci. Il nostro team di professionisti è a tua totale disposizione.

  • Sep 01, 2020
  • Commenti: 0
Commenti: 0

Nessun commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non può essere pubblicato . I campi richiesti sono contrassegnati*